Google+ Followers

sabato 18 febbraio 2017

Reggina Lecce 1 - 2. Il Lecce porta via tre punti preziosissimi in attesa di Foggia Matera.


Che dire sulla partita di oggi.
Squadra sicuramente molto concentrata e decisa sin dai primissimi minuti a portare via l'intera posta in palio.
Una novità nella formazione iniziale con Marconi al centro dell'attacco al posto di Caturano.
E proprio Marconi porta in vantaggio il Lecce al 20'.
Forse è il segno del destino e la conferma che questo deve essere l'anno giusto per tornare in B.
La formazione iniziale di Padalino ha visto Perucchini in porta Ciancio Cosenza Giosa e Agostinone in difesa Costa Ferreira Arrigoni e Mancosu a centrocampo e Pacilli Marconi e Doumbia in attacco.
Si incomincia con un calcio d'angolo regalato agli avversari da parte di Agostinone che di testa non controlla.  
Buona occasione al 17' con azione partita da Ciancio e conclusa da Marconi.
Al 18' gran tiro di Mancosu  da oltre 20 mt che sfiora il palo sinistro del portiere Sala.
Al 20' l'inaspettato goal di Marconi con una vera e propria prodezza balistica.
Ma la Reggina non sta a guardare e al 23' impegna Perucchini che para sul primo palo.
Partita che oggi non è mai stata addormentata. Anche Costa Ferreira ha avuto la sua occasione sotto porta al 24', a poca distanza dal portiere, ma l'ha sprecata.
Al 27' il goal improvviso della Reggina con Coralli che è apparso in netto fuorigioco ma nessuno dei giallorossi ha reclamato.
Da rivedere le immagini.
Il pareggio da coraggio alla Reggina che cresce ma non impensierisce più di tanto il Lecce oggi in giornata SI.
Erroraccio di Mancosu al 40' e solo in quei pochi minuti il Lecce sbanda un pò.
Marconi potrebbe riportare in vantaggio il Lecce al 44' ma viene anticipato dall'avversario. 
Si va al riposo con il risultato di 1-1.
Al rientro in campo è subito Doumbia Show.
Al 46' di testa riporta in vantaggio il Lecce e 4 minuti dopo ha una ulteriore occasione senza però infierire.
Ancora Mancosu al 51' sciupa ed il suo tiro viene deviato. Un minuto dopo è Giosa che su calcio d'angolo ci prova di testa ma altissimo.
Erroraccio dello scatenato Doumbia al 56' che in area non passa ai compagni sprecando una buona occasione.
Al 58' punizione al limite dell'area di Pacilli alta sulla traversa.
Padalino fa il suo primo cambio al 61'. Sostituisce l'autore del primo goal con Caturano. Sostituzione che, in questa occasione, poteva anche evitare. Il vero motivo della sostituzione non lo si è compreso.
Caturano ci prova subito a gonfiare la rete con un tiro in porta al primo tocco di palla. Un minuto dopo il suo ingresso.
Al 65' gli ricapita un'altra occasione.
Bellissimo lancio al 68' di Cosenza verso Pacilli che poi perde palla nei pressi dell'area avversaria. Si fa vedere ancora Pacilli al 72' con un gran tiro di sinistro in porta da lontano ma il portiere para.
Al 78' Lepore sostituisce Pacilli e al 81' Doumbia viene sostituito da Maimone .
Proteste in area al 79' per i locali per un presunto tocco in area.
Spreca al 81' ancora Mancosu il possibile 1-3 dopo un passaggio di Doumbia.
Giallo per Costa Ferreira al 83' per ritardare l'esecuzione della punizione degli avversari. Punizione che poteva evitare.
Secondo cambio di Padalino al 86' esce Doumbia per Maimone.
5 i minuti di recupero decretati dall'arbitro con la palla che è quasi stata in possesso dei giallorossi.    
Un Doumbia scatenato oggi. Ha confermato il suo ottimo stato di forma e la fiducia ormai dei propri mezzi.
Le incursioni dei difensori esterni oggi sono state limitate e forse non a caso la squadra è sembrata più equilibrata e accorta.
Il Lecce ha meritato di vincere.
La squadra è rimasta concentrata dal 1' al 95'.
Punti deboli oggi davvero nessuno.
Siamo ancora primi e il risultato di questa sera tra Foggia e Matera ci interessa relativamente. 
Bravi tutti.

mercoledì 8 febbraio 2017

Mark Zuckerberg è riuscito a schedarci tutti e siamo tutti contenti.




Pochi si stanno rendendo conto che Mark Zuckerberg ... cacchio cacchio ... zitto zitto .... è riuscito, con un social network, e con i suoi continui aggiornamenti e collegamenti con altri social a schedare il mondo intero ... 
Ma soprattutto ad arricchirsi alle nostre spalle.
Sono decine ormai le informazioni personali e private richieste e concesse con tanta facilità per questo social network.
Ma sono davvero necessarie ?
Ma che fine fanno tutti questi dati personali ?
Che fine fanno tutte queste conversazioni ?
Nessuno si rende conto che tutto questo sta diventando pericoloso perché è in mano di un solo soggetto e/o forse di qualche grande "Paese" che è in grado di avere la situazione costantemente sotto mano e di conoscere ogni cosa dei cittadini del mondo ?




sabato 4 febbraio 2017

Casertana - Lecce 1-0. Il blasonato Lecce ha dimostrato di non essere la squadra ammazza campionato.


Provo a fare la mia prima cronaca scritta e pubblica su una partita di calcio.
Casertana e Lecce è stata una partita sicuramente combattuta da entrambe le squadre e sin dalle prime battute.
Errore grave di Vitofrancesco al 24' e al 55'.
Nella prima occasione l'errore è costato caro al Lecce perché Ciotola ha portato in vantaggio la Casertana dopo essere sfuggito proprio a Vitofrancesco che, come è successo in altre occasioni nell'arco dell'intero campionato, si è disinteressato dell'avversario. Ma Padalino, bontà sua, continua a preferire Vitofrancesco a Ciancio.  
Grave anche l'errore al 36' di Agostinone (altro Foggiano).
Caturano ha più volte mancato il goal.
Le occasioni più nitide al 40' e al 79'.
Al 43' doppia ammonizione per Giorno della Casertana. Occasione da sfruttare per il Lecce ma non sfruttata visto che per tutto il secondo tempo la Casertana ha giocato in 10 uomini.
Da rivedere, considerate le proteste di Caturano, al 71' il goal non goal che avrebbe comportato il pareggio.  
A Perucchini, al rientro nel Lecce, non si può contestare nulla.
Anzi occorre segnalare la sua paratona al 73' perché senza il suo straordinario scatto di reni la Casertana sarebbe passata sul 2 a 0.
Male Mancosu e Torromino. Malissimo anche Arrigoni e non solo per l'erroraccio del 79'.
Non pervenuto Marconi.
Meritavano forse di giocare dal 1' il nuovo acquisto Costa Ferreira e Doumbia. 
La sconfitta di oggi dimostra che il problema in difesa, in particolare sul lato destro e sinistro, rimane. 
Va detto che Contessa è stato destinato altrove in favore di un incerto Agostinone.
A Lepore bisognerebbe fare un monumento per le numerose posizioni occupate in campo.
La situazione odierna dimostra che se il Lecce occupa l'attuale posizione in classifica il merito è dei singoli calciatori e non del confusionario allenatore Padalino.
Vitofrancesco con il suo errore al 24' ha condizionato e compromesso il risultato finale anche di questa partita.
Risultato finale che favorisce, al momento, il Foggia che ha persino scavalcato in classifica il Lecce che, ancora una volta, ha dimostrato di non saper volare. 
Si proprio il Foggia. La città nativa di Padalino, Vitofrancesco e da ultimo di Agostinone.
Voto: Perucchini 7; Agostinone 5; Giosa 6; Drudi 5; Vitofrancesco 4; Mancosu 5; Arrigoni 5; Tsonev 6; Torromino 6; Caturano 6; Lepore 6; i subentrati nel 2° tp. Costa Ferreira 6; Doumbia 6; Marconi N.P.  Padalino 4 per la sua testardaggine e per non essere riuscito a trovare, ad oggi, una formazione tipo.

venerdì 3 febbraio 2017

Il Capo dello Stato a Lecce. Un'occasione persa.

Il Capo dello Stato Sergio Mattarella

Un Capo dello Stato, Sergio Mattarella, arriva a Lecce ... (non capita tutti i giorni .... di ricevere la visita di un Presidente della Repubblica), e dove lo portano ? 
Al nuovo Teatro Apollo .... e in altri "bei" posti .... 
Mi sta anche bene questo ...
Smettetela però di fare i buonisti e i buffoni ... 
Visto che è sul posto fategli vedere personalmente anche come hanno ridotto il nostro territorio ....
Mi riferisco (anche) alle presunte e ritenute "distrazioni" di tanti cittadini e amministratori locali, quindi, all'attualità, per tutti, alla discarica di Burgesi .....
Cari politici avevate un'occasione per far vedere il peggio dell'Italia ad un "Capo dello Stato" .... e l'avete persa ...
Ma si sa a Voi interessa solo fare passerella ... e magari consegnare personalmente qualche bigliettino privato ... da leggere a Roma o durante il viaggio di ritorno ...
Cari Politici avevate la possibilità di sollecitare sul posto la bonifica del territorio... e l'avete persa .....
Buona serata .... il Teatro Apollo ... Vi aspetta tutti ... 
Ringraziano ... i colpevoli del disastro ambientale e della salute delle persone e chi è rimasto, negli anni, in colpevole silenzio.
Avete sprecato un'altra occasione per far vedere la realtà dei fatti .... ad un "Capo dello Stato".

venerdì 20 gennaio 2017

Il telefono la tua croce ... in Italia telefonare agli uffici pubblici e anche a quelli di emergenza è un'impresa. Occorre dire basta alle segreterie telefoniche !


Il telefono la tua croce ... 
Riprendo un argomento già affrontato in altre occasioni ...
In Italia telefonare agli uffici pubblici e anche a quelli di emergenza è davvero un'impresa.
Occorre dire basta alle segreterie telefoniche !
In questi giorni abbiamo avuto la prova che questo paese va riformato nelle istituzioni e nelle teste .... 
Occorre una legge di due righe per vietare in maniera assoluta le segreterie telefoniche in tutti gli uffici pubblici soprattutto in quelli di emergenza. 
Non se ne può più.
Non è più concepibile in questo paese, con tutta la tecnologia che abbiamo e con la possibilità di visualizzare anche l'intestatario di un numero fisso o mobile chiamante, di avere a che fare con le segreterie telefoniche che fanno perdere del tempo prezioso ai cittadini che spesso chiedono aiuto.
Occorre porre fine a questa carenza.
Bisogna impiegare le persone per tale servizio basta con queste automazioni ...