Google+ Followers

domenica 9 febbraio 2014

Othrantu mia. Di Guido De Benedetto.


Othrantu mia
Me si rimasta inthra allu core,
t'aggiu lassata, ma nun è spicciatu pe’ tie l’amore.
Su turnatu quarche fiata,
ma nun t'aggiu cchiu thruvata.
T'aggiu cercata pe’ li quatthru ienti,
ma si cangiata, de tie nnu sacciu cchiui gnienti.
Tutti te canuscine, ma de mie te scunni
e quannu te chiamu, nu me rispunni.
Certu, ete curpa puru mia,
ma cchiu te penzu e cchiu ne fazzu ‘na malatia.


Nessun commento: