Google+ Followers

domenica 12 maggio 2013

La poesia della straordinaria Miranda Bibbò, in dialetto otrantino, alla sua mamma.



Alla mia Mamma
Nu' sacciu c'è hai pruvatu
la prima fjata,
quannu, piccinna, " Mamma "
te chiamai,
pensu ca te brillara l'occhi
e ca lu core 
a 'npettu te 'nzumapu.
L'aggiu pruvatu ieu,
la prima fjata,
quannu de fija Mamma divintai,
quandu sta' semplice parola,
comu nu' fulmine,
la vita mia cangjau.
E quante vote aggiu chiamatu
" Mamma ",
quante vote chiamata 
m'hannu a mie,
quante vote rivolta
a Tje, Madonna,
aggiu chiamatu "Mamma"
puru a Tje...............
Nu' 'nc'è sonu chjù bellu....
nu' 'nc'è parola.........
china d'amore comu
" Mamma Mia "
e speru ca lu cielu
te l'assa pe tanti anni ancora,
pe' tanti lunghi anni
a quai cu mie.......
E oscj ca è la festa tua
ulia cu tornu piccinna.....
oh c'è vulia.........
cu dicu " Mamma " 
pe' la prima fjata
ulia cu tornu a retu,
a 'nmparu a tje........

Nessun commento: