Google+ Followers

martedì 14 aprile 2009

Il gioco della politica. Giugno è vicino.

Vorrei mostrarvi una foto "ritoccata" per spiegare come ragiona la mente dei nostri politici.
Se consideriamo l'uomo senza cappello nello sfondo e quello col cappello in primo piano non notiamo alcunchè di strano. Ognuno di questi sarebbe nella posizione giusta.
Quella che consentirebbe di far vedere a chiunque la realtà.
Ma se proviamo a spostare la figura dell'uomo sullo sfondo accanto all'altra percepiamo che c'è qualcosa che non va! E sappiamo tutti che cose che non vanno ce ne sono tante.
In sostanza la foto "ritoccata" per dire che è quello che i nostri politici riescono ad ottenere dai cittadini soprattutto poco prima delle elezioni. Farli sentire vicini ai cittadini, molto vicini, ma badando a farli sentire piccoli, anzi, molto piccoli.... chiedendo loro solo... un semplice voto.
Eppure quel cittadino poco intelligente è lo stesso ... è stato semplicemente spostato... con un'abile mossa o con le "promesse" da un politico!
Ebbene questa è l'immagine elaborata da ogni politico di oggi!
Questo è quello che un politico di oggi chiede ai cittadini. Poterli spostare di quà e di là come dei burattini per poi riportarli dopo il voto nella giusta posizione....
Io preferisco, d'ora in avanti..., restare nella mia posizione.


Diffidate delle illusioni
come in questo esempio:
in questo quadro quello che sembra una spirale
sono invece solo tanti cerchi.





22 commenti:

Pupottina ha detto...

eheheheheheh
bella la foto! ampiamente svelata ... purtroppo la politica è così...

Angelo azzurro ha detto...

Bella la similitudine della foto ritoccata! Hai reso bene l'idea!

Veneris ha detto...

...sai anch'io sono tentato ad agire nella tua maniera!

Viviana ha detto...

Le elezioni sono vicine e qualche cosa mi dice che questo governo farà i salti mortali per i paesi terremotati. Campagna elettorale............
Buona vita, Viviana

Luciano ha detto...

Eh si Viviana dobbiamo aspettarci una bella azione propangandistica ma almeno che serva agli abruzzesi....

giardigno65 ha detto...

sono proprio insensibile, non vedevo la spirale !

Il folletto paciugo ha detto...

...già hai reso perfettamente l'idea....Un abbraccio Roberta

traccedinchiostro ha detto...

hai reso perfettamente l'idea si
e tornerò a votare quando ci sarà qualcuno che mi rappresenterà anche in minima parte
Oggi ho serie difficoltà ( ma forse è un mio limite ) a 'distinguere il bianco dal nero'

incognita7 ha detto...

hai perfettamente ragione...ed è per questo che da un po di anni.. io do il mio voto a nessuno...
o di qua...o di la...alla fine la prendiamo sempre ...là!!!!
ciao!!

lella ha detto...

dal governo ai comuni,si stanno dando da fare tutti........
io sono stufa e nauseata e mi associo alla tua idea.
Credo ke sarebbe bello se lo facessimo proprio tutti e lasciassimo i seggi completamente vuoti.
Ma vi rendete conto di quanti soldi stanno x spendere???
BASTAAAAAAAAAA!!!!!
non se ne puo' piu'!!!!!
Lella

Luciano ha detto...

Come volevasi dimostrare questa classe politica dimostra tutta la sua ignoranza e strafottenza.....
Per la paura di pochi questo governo sembra rinunciare a tenere il referendum il 7 giugno spendendo centinaia e centinaia di milioni di euro che potrebbero essere risparmiati...
Ma che andassero a fanculo altro che voto ... Scusatemi per il mio sfogo.
Il Pdl e la Lega hanno trovato un accordo sul "NO" all'election day e sulla data del referendum di modifica della legge elettorale. Bocciata quindi l'ipotesi di election day (niente accorpamento dunque con il primo turno delle amministrative e con le europee), proponendo come date utili per il referendum quelle del 14 o del 21 giugno. Tanto a pagare chi è...?
Inqualificabili le parole in merito dell'ignobile Cicchitto.
Ora gli italiani pagheranno inutilmente centinaia di milioni di euro in un momento in cui tutte le risorse del Paese servirebbero all'emergenza in Abruzzo e a fronteggiare la crisi economica....
Vergogna ....... politici italiani siete la vergogna nazionale.

NeLLa'S ha detto...

Chiarissimo il tuo post e la tua posizione in merito...
Io però credo che smettere di votare non ci aiuti a migliorare la situazione...
Perseverare nel cercare di cambiare le cose...questo penso ci porterà a cambiarle...
Un abbraccio Lù... a presto...
Anto...

Anonimo ha detto...

Condivido la tua opinione e il tuo pensiero. Niente voto basta.
Ciao Sonia

maria rosaria rossini ha detto...

complimenti per questo arguto post. però,credo che il nostro diritto al voto sia inalienabile.
baci

Mao ha detto...

Poveri politici Italiani, in gran parte mi fanno pena e schifo. Mi associo a quanto detto da mia sorella Viviana e credimi che non avranno il nostro voto. Io spero vivamente che almeno gli Abruzzesi possano godere il più possibile di questa campagna elettorale. Maurizio

Luciano ha detto...

Eh si Maurizio mi sta bene fare i salti mortali per chi ha perso ... non solo la casa... ma quelloche non sopporto è che anche quei 400 milioni di euro potrebbero essere destinati ai terremotati.... piuttosto che buttarli davvero via ......
Ciao

Viviana ha detto...

seraaaaaa

Paola ha detto...

Non c'è che dire Luciano hai espresso molto bene il concetto...
Dolce serata bacioni

Ps: (ho problemi con il blog)

Luciano ha detto...

Seraaaaaaaaaa.... a te Vivianaaaa e anche a te Paola.

Paola arrivo subito.

Sabatino Di Giuliano ha detto...

Sono disilluso anche io ma non votare e' da vigliacchi. Faresti il gioco del piu' forte e prevaricante!
Ci penso anche io, e' dura ma non possiamo stare fermi.
Non avremmo il diritto di parlare poi|

Sabatino Di Giuliano ha detto...

Ehi... hai messo il blocco hai commenti?
Ti e' successo qualcosa?
Questa cosa mi da' da pensare!
buona domenica Luciano

Bruno ha detto...

io non ho votato per anni poi ho capito di favorire solo e sempre loro .... schede bianche, nulle.... meglio scegliere il meno peggio (impresa quasi impossibile)e dare una preferenza....sai perchè ci spostano come vogliono (e condivido la tua immagine)? perchè gli diamo sempre la possibilità di farlo. qualsiasi cosa si inventono non c'è nessuno di noi che scende in piazza e incomincia a gridare, a far rumore.... troppo menefreghismo e frasi del tipo "vabbè, intanto non cambia nulla" e loro ci muovono come pedine......