Google+ Followers

venerdì 2 gennaio 2009

Ecco ancora una volta l’altra faccia della medaglia dei festeggiamenti del Capodanno.


Io penso che forse si sta superando ogni limite all’indecenza.
Uno stupro di gruppo nella notte di capodanno alla Fiera di Roma nei confronti di una giovane ragazza indifesa. Un altro stupro di gruppo ai danni di un’altra ragazza questa volta a Ladispoli mia ex cittadina Romana. E dulcis in fundo un terzo caso di stupro a Marino centro dei Castelli Romani, paese limitrofo a quel di Ciampino, altra mia ex residenza, sempre nel Lazio.
Questa volta ai danni di una giovane rumena. Colpevole un suo connazionale.
Atti tutti consumati nella notte di capodanno.

Tutto questo dopo che queste ragazze ma anche quella specie di maschietti hanno scambiato certamente con i propri amici gli auguri di un Buon anno. Davvero un bel modo di festeggiare l’anno nuovo!
Un buon anno si. Che le giovani ragazze non dimenticheranno facilmente per il resto della loro vita. Ma un buon anno non sarà neanche per quei vigliacchi autori di simili violenze. Almeno me lo auguro.
Ebbene questi sono eventi unitamente a quelli delle scorse ore che inducono le persone a non uscire più di casa. O meglio di decidere di festeggiare tra le propria mura.
Come vedete l’anno nuovo non è iniziato sotto buoni auspici per chi vuole essere libero di circolare.

15 commenti:

Marianna ha detto...

purtroppo quest'anno rimarrà impresso a questa ragazza.
rimango senza parole ...

Mammazan ha detto...

Non cambia mai nulla..
Nè a Natale, nè a Capod'anno.
ma quello che mi fa infuriare è la vigliaccheria del branco spesso composta da "bravi" ragazzi, magari difesi a spada tratta dai loro famigliari che sono capaci anche invocare la provocazione da parte della ragazza...

sedemiuqse ha detto...

hola vengo a saludarte, una triste sin razon
Besos y amor
je

stella ha detto...

Mammazan ha parlato per me.

Cari saluti a tutti

antonietta ha detto...

ciao ho visto che hai visitato il mio blog.Grazie e io ricambio.

lella ha detto...

quando ho sentito il primo tele,mi aspettavo già notizie del genere,purtroppo non dicono mai nulla di nuovo nè di bello!!!
Certo x ki ha subito le violenze nn sarà facile dimenticare questo capodanno....... noi non abbiamo invece + parole sufficienti x esprimere il nostro disdegno
Lella

scrittrice75 ha detto...

sono senza parole. In giro ci sono animali non persone

NeLLa'S ha detto...

Tristi realtà... tristi... orribili... e nn ho parole... solo tanto dolore...
Un dolore che è in me...come miracolata di un mancato stupro...e che però mi ha segnata comunque profondamente...
Prego affinchè queste ragazze vengano aiutate... e spero per loro in una ripresa che sarà lenta...difficile... ma non impossibile...
A quei poveri esseri che hanno commesso questo orrore spero soltanto che riusciranno a perdonare se stessi per quanto hanno fatto...

Ho copiato il tuo bannerino per la pace e postato nel mio blog...
Una bella iniziativa...

A presto...
NeLLa'S

Luciano ha detto...

Sono d'accordo con tutte voi.
Il nuovo anno è iniziato malissimo per queste ragazze e non sarà facile per loro dimenticare.
Spero che qualcuno comprese le istituzioni le aiutino a venirne fuori.
Grazie anche a te Antonietta e Nella's

Salegna ha detto...

Gracias por visitar mi blog, me gustará también seguir visitando el tuyo aunque tenga que usar un poco el diccionario, pero será una forma de aprender.
Muchos besos

Violeta ha detto...

No entiendo nada!!!!...

Saludos.Gracias por pasar!

maria rosaria rossini ha detto...

è un problema centrale della nostra società al quale va dato assoluto rilievo per la sua gravità e che deve essere affrontato seriamente...

yashanti ha detto...

polemica...mi piace.
Leggiamoci!

Adrisol ha detto...

aquí estoy, paseando por tu espacio en la red!!
no es una buena noticia lo que has publicado, pero es la realidad y debemos conocerla.......
deseo que visites nuevamente mi blog y dejes algún comentario, así comenzamos una linda relación de amigos.......

un abrazo

Desy ha detto...

Siamo circondati da bestie senza cuore.