Google+ Followers

sabato 4 ottobre 2008

Parole sante e ancora attuali quelle di Giovanni Falcone.




Avevo riportato su questo blog anzi è ancora oggi presente una frase di Giovanni Falcone: "Si muore generalmente perchè si è soli o perchè si è entrati in un gioco troppo grande".
Nulla è cambiato. Lo dimostrano le parole del docente anti mafia, il 50enne Adolfo Parmaliana, con un passato di amministratore in un paesino della provincia di Messina che si è tolto la vita gettandosi giù da un viadotto della Messina-Palermo (Montagnareale).
Aveva contribuito a far sciogliere un Consiglio comunale per "mafia".
"Mi hanno lasciato solo" . "Mi hanno isolato e ora me la vogliono far pagare". Queste le sue ultime testimonianze al Senatore dei Ds Beppe Lumia.
Ma queste frasi "mi hanno lasciato solo" e "mi hanno isolato e ora me la vogliono far pagare" ricorrono quotidianamente anche tra i comuni cittadini che vengono maltrattati, costretti a soffrire in silenzio e chiedere favori proprio alla "mafia" per avere accesso anche a ciò che spetta di diritto.
Questa è vera la "mafia". Quella che uccide senza sporcarsi le mani.
E non è un caso che mentre i processi contro i boss ed i politici si sono impantanati quello che lo riguardava invece è andato avanti.
La vera "mafia" sa come uccidere: in silenzio ! Nessuno viene ascoltato da chi viene perseguitato dalla "mafia".
Nel caso di specie sembra che un anno fa Parmaliana scrisse anche al Capo dello Stato: "Come si possono conseguire gli obiettivi dello scioglimento per mafia senza un presidio stabile delle forze dell'ordine?".
Nulla è cambiato dalla sue denunce. Ora un suicidio può servire a qualcosa ?
Io credo proprio di no. Perchè la "mafia" è sempre presente non è quella che tutti fanno credere e chiuderà presto la bocca a tutti anche su questa vicenda.


Avevo riportato su questo blog anzi è ancora oggi presente una frase di Giovanni Falcone: "Si muore generalmente perchè si è soli o perchè si è entrati in un gioco troppo grande".
Nulla è cambiato. Lo dimostrano le parole del docente anti mafia, il 50enne Adolfo Parmaliana, con un passato di amministratore in un paesino della provincia di Messina che si è tolto la vita gettandosi giù da un viadotto della Messina-Palermo (Montagnareale).
Aveva contribuito a far sciogliere un Consiglio comunale per "mafia".
"Mi hanno lasciato solo" . "Mi hanno isolato e ora me la vogliono far pagare". Queste le sue ultime testimonianze al Senatore dei Ds Beppe Lumia.
Ma queste frasi "mi hanno lasciato solo" e "mi hanno isolato e ora me la vogliono far pagare" ricorrono quotidianamente anche tra i comuni cittadini che vengono maltrattati, costretti a soffrire in silenzio e chiedere favori proprio alla "mafia" per avere accesso anche a ciò che spetta di diritto.
Questa è vera la "mafia". Quella che uccide senza sporcarsi le mani.
E non è un caso che mentre i processi contro i boss ed i politici si sono impantanati quello che lo riguardava invece è andato avanti.
La vera "mafia" sa come uccidere: in silenzio ! Nessuno viene ascoltato da chi viene perseguitato dalla "mafia".
Nel caso di specie sembra che un anno fa Parmaliana scrisse anche al Capo dello Stato: "Come si possono conseguire gli obiettivi dello scioglimento per mafia senza un presidio stabile delle forze dell'ordine?".
Nulla è cambiato dalla sue denunce. Ora un suicidio può servire a qualcosa ?
Io credo proprio di no. Perchè la "mafia" è sempre presente non è quella che tutti fanno credere e chiuderà presto la bocca a tutti anche su questa vicenda.

Nessun commento: