Google+ Followers

martedì 30 settembre 2008

Se la moglie è depressa non restare indifferente. Potrebbe essere motivo di addebito della separazione. Parola di Cassazione.

Nelle separazioni, ha stabilito la prima Sez. Civile della Corte di Cassazione (Sent. 19065/08), può essere ravvisato l'addebito al coniuge che è restato “indifferente” alla depressione dell'altro e che non gli ha fornito alcun supporto morale o economico.
La Corte ha sottolineato nel caso di specie la violazione da parte del marito "dell'obbligo di assistenza posto a suo carico dall'art. 143 c.c. in favore della moglie, quale ammalata e parte più debole nel rapporto; le circostanze di fatto riportate nella relazione del servizio sociale, da cui si è rilevato il distacco dell'uomo e la mancata cura della moglie, sono risultate in sostanza riferite anche dai testi di parte ricorrente, sentiti nel giudizio di primo grado”.
Attenti quindi alla violazione dei doveri di assistenza coniugale.

Nessun commento: